Gli errori da evitare assolutamente quando si sceglie un fotografo di matrimonio

Gli errori da evitare assolutamente quando si sceglie un fotografo di matrimonio

15-06-2020

Quando si organizza un matrimonio, la coppia di futuri sposi dovrà fare una serie di scelte, relative a vari aspetti della cerimonia, che li porteranno a valutare e soppesare un ventaglio di alternative a cui seguiranno decisioni importanti.

Dalla scelta del tipo di cerimonia, a quella della location per le nozze, passando dalla struttura che ospiterà il banchetto, fino alla preparazione della lista degli invitati e la scelta delle bomboniere, gli sposi si troveranno a sommersi da dubbi e incertezze che dovranno risolvere senza farsi prendere da ansia e stress.

Tra le tante decisioni da prendere c’è, naturalmente, anche quella riguardante il fotografo di matrimonio, scelta che potrebbe sembrare “meno impegnativa” rispetto alle altre perché spesso le coppie che stanno per sposarsi fanno affidamento sui consigli di amici oppure si lasciano guidare dai gusti personali non appena questi trovano una certa corrispondenza con lo stile di questo o quell’altro fotografo.

Eppure, anche quando si tratta di decidere a chi affidare il compito di raccontare con le immagini il giorno più importante di una coppia, non è raro incappare in situazioni spiacevoli che possono avere conseguenze indesiderate sul servizio fotografico del matrimonio, un aspetto delle nozze che, per sua stessa natura, se non rispondente alle aspettative della coppia, potrebbe trasformarsi in un amaro ricordo di una giornata speciale.

Senza nessuna pretesa e intenzione di voler stilare un freddo elenco di disguidi da cui salvarsi quando si sceglie un fotografo di nozze a Milano, vogliamo comunque puntare l’attenzione su alcune leggerezze da evitare nel momento in cui si decide chi sarà il fotografo del vostro matrimonio.
 

L’impreparazione e la fretta sono cattive consigliere

Prima di iniziare a guardarsi attorno e fare visita a vari studi fotografici per avere un’idea di cosa “offre il mercato”, è fondamentale essere preparati su quello che più si desidera e, soprattutto, su ciò che si vuole evitare. Le foto di un matrimonio coglieranno istanti della coppia e se questa ha le idee chiare sul proprio stile e i propri gusti, la scelta del fotografo non solo sarà più semplice, ma diventerà la migliore se il fotografo avrà vita facile nel capire che tipo di persone ha di fronte.

Non “aprirsi” con il fotografo e non raccontargli quello che vi piacerebbe ottenere, potrebbe essere fuorviante per entrambi e rappresentare una seria difficoltà durante la scelta del professionista a cui affidare il servizio del matrimonio.

Il presentarsi impreparati ai vari appuntamenti potrebbe costringere la coppia a modificare scelte già fatte, ritrovandosi a prendere decisioni importanti guidati dalla fretta di affidare l’incarico il prima possibile.


Non farsi guidare solo da tecnica e tecnologia

A volte si pensa che la scelta del fotografo migliore per il matrimonio debba essere dettata solo e soltanto da quello che i fotografi “mostrano” alle coppie, come per esempio portfolio curatissimi e ricchi di scatti perfetti e accattivanti.

Queste prove tangibili della bontà delle capacità del fotografo però potrebbero non essere sufficienti, perché in primis quello che gli sposi devono trovare in un fotografo è la sua capacità di mettere la coppia a proprio agio partendo dalle occasioni più comuni, come può essere quella del primo appuntamento presso lo studio fotografico. La troppa razionalità, la convinzione che l’analisi fredda e puntuale delle capacità del professionista basata sulla visione dei suoi lavori precedenti porti a una scelta a prova di errore potrebbe rivelarsi fuorviante.

Un ottimo feeling con il fotografo è senza dubbio una cosa da tenere in considerazione ma che, spesso, viene trascurato a favore di presunte doti tecniche di livello eccelso.

In più non è raro che gli sposi si lascino letteralmente rapire da abilità fotografiche portate all’estremo dall’eccessivo utilizzo della tecnologia come nel caso di un ricorso pesante al fotoritocco degli scatti che li rende tutti impeccabili ma senza anima.

 

Il timore di chiedere delucidazioni e informazioni aggiuntive

Incontrare più fotografi, vistare diversi studi e laboratori e richiedere più preventivi è la normale prassi che ogni coppia segue quando è alla ricerca di un fotografo per il proprio matrimonio.

Spesso durante gli incontri non sempre si riesce a cogliere i dettagli e memorizzare tutte le caratteristiche delle varie proposte, a prescindere se queste poi vengano formalizzate attraverso un preventivo dettagliato.

L’errore più comune in questi casi è quello di avere timore o vergogna a chiedere ulteriori delucidazioni e informazioni aggiuntive, evitando di interpellare nuovamente il fotografo nel caso si abbiano dei dubbi non completamente fugati. Questa è una leggerezza da evitare assolutamente ricordando che il fotografo di matrimonio è ben abituato a fornire spiegazioni e chiarimenti, perché è ben consapevole che l’organizzazione di un matrimonio è una cosa molto complessa e delicata da affrontare da parte dei futuri sposi.